mercoledì 16 maggio 2007

Mettila da parte

Che cos'è arte e che cos'è non-arte?
Una domanda che gli studenti del DAMS hanno imparato a odiare, più o meno quanto gli studenti di tutte le altre facoltà odiano quelli del DAMS.

"Il bello dell'arte piuttosto contemporanea è che anche se ti cade uno Schifano per terra e si fa un buco, puoi esporlo ugualmente e molti non ci faranno nemmeno caso (per dire, con Raffaello non si può fare)"

Il bello dell'arte piuttosto contemporanea, però, è anche che la si può mettere in classifica. Se partiamo dal presupposto che anche un barattolo di merda è arte, possiamo - con uno sforzo decisamente innocuo per il nostro organismo - prendere due o più opere e decidere quale di queste sia più artistica (in senso piuttosto contemporaneo) delle altre.

Quindi, se dovessi scegliere tra «Emergenza vene» in Largo Cairoli a Milano e i Bloodworks di Pete Doherty a Londra, dico che il buon Pete se la cava alla grande. Poi lui è ancora uno di quelli che usa la scusa della musa...

2 commenti:

  1. Ho letto giusto stamattina una recensione dei lavori di Pete Doherty. Espressioni tipo "la tecnica di un 12enne", "Rimbaud-wannabe", "speriamo sia ironico". E' gratis, ma non ci vado lo stesso perche' dalla mappa sembrano almeno 10 minuti a piedi dalla stazione della metro piu' vicina (e poi ho letto di gente che ha dipinto con lo sperma, Pete gli fa un baffo).

    RispondiElimina
  2. (però al massimo con lo sperma ci dipingi un portafoto)

    RispondiElimina