lunedì 20 novembre 2006

Barabba o Morte

Al grido di "qui si fa Barabba o si muore", un manipolo di rigogliosi carpigiani, attanagliati e disillusi dalla pochezza filosofica dei loro contemporanei, decidono di riunirsi per creare una rivista. Pensando quale fosse il mezzo più opportuno per portare a compimento l'ardua impresa, scelgono la carta come veicolo anacronistico d'idee, antagonista per eccellenza.

Barabba, in forma cartacea, vedrà la luce probabilmente nel 2007 già inoltrato. Sarà distribuito (si spera) nelle edicole di Carpi, Modena e Bologna e in qualche libreria. Lo troverete sul web a un indirizzo che comunicheremo in seguito. Mancano solo alcuni cavilli burocratici, ma ci siamo quasi.

Per ora potete goderne un assaggio collaterale su questo blog neonato. Cercheremo di raccogliere qui i contributi estemporanei dei vari collaboratori. Nel frattempo, tenete gli occhi puntati sulle vostre edicole sotto casa.

"Qui si fa BARABBA o si muore"

8 commenti:

  1. setteottonove
    ma l'account l'ho fatto o no?
    quanto mi manca la carta...

    RispondiElimina
  2. dieciundicidodici!
    e con me si va in doppia cifra! ;)

    RispondiElimina
  3. ohi, siete già attivissimi per inserire post e quant'altro... al lavoro, fannulloni!

    Buone Cose

    Many

    RispondiElimina
  4. Eccomi qua, come ci lista tra i collaboratori? ( niente classismo, siamo rivoluzionari)
    W ZERO CARBONELLA

    RispondiElimina
  5. Preghiamo Gesù Bambino che in Barabba non si scenda ancora nel liquame del parlare di indie music e/o indie culture perchè in molti ci siamo rotti i coglioni.
    Grazie.

    RispondiElimina
  6. medo: non preoccuparti. Né indie, nè music. Forse culture, ma nella lettura italiana del termine. E politica. Si spera.

    (uhm... se avessi voglia di collaborare la mail è in calce là sopra)

    Buone Cose

    Many

    RispondiElimina