giovedì 6 dicembre 2007

Somewhere Over the Rainbow

L'arcobaleno è quella cosa che si forma dopo una giornata di pioggia, quando i primi timidi raggi di sole fendono le goccioline d'acqua rimaste sospese in aria, colorandole per un singolare fenomeno di riflessione, rifrazione e trasmissione. E' molto bello a vedersi, ma non vuol dire che poi non possa ricominciare a piovere.

L'arcobaleno si forma sovente di fronte a una cascata, sospeso a mezz'aria davanti all'acqua che cade rovinosamente al suolo. Alcune goccioline fuoriescono dalla massa e se ne rimangono a pascersi al sole, osservatrici in bella posa senza alcuna possibilità d'interferenza con le altre goccioline che continuano a franare.

L'arcobaleno lunare, detto moonbow o arcobaleno notturno, si può vedere in notti fortemente illuminate dalla luna. Siccome la percezione visiva umana per i colori è bassa in condizioni di scarsa illuminazione, i moonbow vengono spesso percepiti come bianchi (!!!).

L'arcobaleno, nell'immaginario fiabesco popolare, ha estremi irraggiungibili, ma se qualcuno ha la fortuna di arrivarne a capo vi troverà una masnada di folletti brutti, pelosi e dai vestiti bizzarri che custodiscono un pentolone di monete d'oro. Monete d'oro che da dove vengono nessuno lo sa.

L'arcobaleno è il simbolo della pace, quella pace che sventola da sempre meno finestre e che sbiadisce pian piano al sole, mentre la geopolitica del capitale continua imperterrita nella sua opera bellica, senza curarsi di tutti quei colori che si discostano dal nero.

L'arcobaleno... tanto valeva chiamarsi "mezze seghe"...

2 commenti:

  1. klaus bader meinhof10:59 PM

    ahahaha!
    sembra il nome di un detersivo
    comunque potevano chiamarlo "più bianco non si può" che tanto ormai di rosso ce n'è poco..

    klaus non bloggato

    RispondiElimina
  2. Notazione letteraria di Natale (per innescare una controversia): il buon Fenoglio voleva pubblicare "Una Questione Privata" con il titolo "Over the Rainbow", citazione esplicita dall'omonima canzone. Potremmo chiederci quanti Arcobalenisti sono a conoscenza di questo illustre precedente...

    RispondiElimina